[angolo toelette] ... della Inhibition Mask di Purophi, maschera facciale in capsule { review }

1 comment
E' stata presentata in anteprima al Sana, accolta con ovazioni di pubblico e di critica, premiata come il prodotto più innovativo della fiera bolognese: che fa, non la provavo? Ecccerto che sì: anche perchè la Inhibition Mask di Purophi tocca le corde più sensibili del mio corazòn, ovvero la mia sfrenata passione per le maschere in tessuto, la ricerca di trattamenti antiage efficaci ma naturali e soprattutto la mia voglia di approfondire la conoscenza di un brand che, sin dalla sua nascita, si è contraddistinto per un'offerta cosmetica ecobio lussuosa e pregiata. Perciò qualche settimana fa, approfittando dell'evento tenutosi da Mio Bio Shop, ho acquistato il pack e portato a termine il trattamento nell'arco di cinque giorni.

[bagno in camera] ... dell'Acqua Micellare Aloevera 4 in 1 di Phytorelax { flash review }

Leave a Comment
Phytorelax è un brand che si sta evolvendo in positivo, sfornando diverse linee e refernze con formulazioni biologiche e naturali e buone perfomances. Generalmente apprezzo i suoi prodotti - uno fra tutti il siero viso concentrato della linea Hydro Avena di cui a breve scriverò in apposita review dedicata, ma a volte incappo in parziali delusioni. E' il caso dell'Acqua Micellare 4 in 1 della linea Aloevera, che non mi ha entusiasmata fin dal primo utilizzo, per cui oggi si becca una bocciatura.

[camera da letto & bagno ] ... di My Fragrances Milano { review }

Leave a Comment
Con l'età avanzante, ho iniziato a coltivare una serie di fissazioni. Cose di cui prima francamente non mi fregava granchè sono ora il mio pallino fisso: una su tutte, la casa sempre odorosa di profumi e candele, di bucato fresco, di pulito e accogliente. Generalmente vado quindi a caccia di brand che soddisfino questa nuova mania, ma stavolta è stata l'azienda My Fragrances a venire a me, facendomi scoprire un mondo caratterizzato dall'eccellenza, dalla forte tradizione artigianale e dalla cultura del design, per giunta Made in Italy. Non potevo chiedere di meglio e ho accolto con grande piacere la possibilità di provare qualche referenza.

[postazione makeup] ... della Neogothic Collection di Neve Cosmetics { preview, swatches, impressioni }

11 comments
Quando si tratta di affabulare, presentando una nuova collezione che ha dietro un'idea forte ed è quasi il racconto di una leggenda, Neve Cosmetics non si batte e tutti gli altri possono solo accompagnare. Poi la collezione in sè può piacere o meno - è sempre questione di gusti - o lasciare mediamente indifferenti, ma il concept che c'è dietro ha intanto lasciato il suo segno e colpito. Succede così per l'ultima novità del brand, la Neogothic Collection uscita il 7 novembre, dove la scelta dei colori tradisce un'anima dark che non tutte saranno in grado di apprezzare o di portare, ma che rimane comunque nella storia dell'azienda come uno dei lanci più ispirati.


[angolo toelette] ... della Crema Contorno Occhi alla Rosa Canina di Cien Nature { review }

2 comments
Io non mi aspetto mai un granchè da un cosmetico, per giunta specifico per una zona difficile come quella del contorno occhi, che costa 2 euro: che con 2 euro oggigiorno non compri nemmeno un pacco di caramelle, al massimo a Palermo ci prendi il tagliandino da un'ora per il parcheggio, a meno che non ci sia il posteggiatore abusivo che te lo rifila a 2,50 perchè lui fa un servizio utile alla comunità (ovvero, si materializza accanto a te con i tagliandini mentre tu, già sudata e disperata, ti stai guardando intorno alla ricerca di un rivenditore nelle vicinanze prima che arrivi il vigile a farti la multa). Anyway, come dicevo: io non mi aspetto mai un granchè. Eppure, la crema contorno occhi alla rosa canina di Cien Nature, che pure non salverà dalle zampe di gallina, fa dignitosamente il suo lavoro e va quindi premiata con una bella review.

[cestino] À bout de souffle (fino all'ultimo respiro) #18 { prodotti finiti: edizione speciale palermitana }

3 comments
Ho preso dueddue giorni di ferie per poter tornare a Palermo, dare un bacetto a parenti, amici e amori, riprendere quei quattro-cinque chili che avevo perso nei mesi trascorsi a Roma e soprattutto, prelevare dall'armadio qualche maglione invernale, più consono all'autunno degli abitini froufrou con cui questa emigrante è partita a luglio. E visto che la lontananza ti fa spesso vedere le cose con più lucidità, a che c'ero ho deciso di sfoltire un po' anche la mia postazione makeup e terminare (o cestinare perchè scaduti/inutilizzati) un po' di cosmetici che avevo iniziato ad usare prima di partire. Questo post, cui seguirà a breve anche l'edizione romana, è il risultato di questa solerte attività terminatoria.

[cestino] ... di cinesate, taroccate e fake che non devi avere { vol. 1 }

6 comments
Trovare un'idea veramente originale su internet è più o meno difficile come vincere un milione di euro con i grattaevinci venduti su un volo Ryanair, perciò in effetti anche questa nuova entusiasmante serie di post non è propriamente farina del mio sacco. Per realizzarla, mi sono infatti ispirata a quel genio di Violetta Rocks - se non sapete chi sia filate su Youtube e deliziatevi con i suoi video - ed in particolare alla sua playlist Dalla Cina Cor Furgone, in cui la mitica youtuber mostra le scinesate ricevute in chiave assolutamente ironica e parodica, con mia somma delizia.

[postazione makeup] ... della Naked Heat di Urban Decay, ovvero cedere felicemente alle tentazioni { review + swatches }

3 comments
Due post in una settimana sul makeup, di cui uno - addirittura! - dedicato specificamente ad una palette: roba che non si vedeva su questo blog dai tempi delle caverne con l'aggravante che la palette in questione è decisamente uno schiaffo al bio (Mio Bio, mi pento e mi dolgo dei miei peccati, ma neanche troppo), ma rappresentava anche una tentazione troppo grande, col primo stipendio in canna, per non cedere. E dunque, una mesata fa cedetti alla bellezza infuocata della nuovissima Naked Heat di UD. La bramavo da tempo, perciò appena mi hanno accreditato il primo emolumento per le mie fatiche romane, mi sono fiondata da Sephora come il maiale sul pastone. 

[postazione makeup] ... delle novità fall/winter 2017 Purobio Cosmetics { post lungherrimo }

5 comments
Dopo un lunghissimo iter che l'ha portata da Bari a Palermo per poi approdare a Roma - roba che le peripezie di Daenerys Targaryen possono solo accompagnare - una ventina di giorni fa sono riuscita finalmente a mettere le zampe sulla box contenente tutte le novità della collezione fall/winter 2017 di Purobio Cosmetics, che erano state presentate al Sana e che avevano scatenato fortissime aspettative per via della presenza, tra le news, dei rossetti liquidi. Io, che già normalmente viaggio con un normale ritardo di un paio di settimane, stavolta ci ho messo ancora più del solito a scattare le foto, editarle ma soprattutto provare tutti i prodotti per poterli descrivere come meritavano. Ora che l'hype è passato e tutte più o meno si sono già fatte un'idea della collezione, questo post risulterà dunque utile come uno spoiler due anni dopo la fine di una serie, però insomma, here i am.

[angolo toelette] ... di Skinfood e la Black Sugar Honey Mask Wash Off Esfoliante { review }

2 comments
La mia passione per le maschere viso non conosce confini, non ha religione nè credo, non è snob nè esclusiva, è aperta a tutte le razze e, sebbene io prediliga anche in questo settore l'utilizzo di prodotti ecobio, non escludo a priori incursioni in mondi paralleli, soprattutto se si tratta di referenze rinomate e acclamate vox populi, per le quali mi sento obbligata alla prova. La Black Sugar Honey Mask Washoff di Skinfood, marchio cosmetico coreano con antiche radici nell'alimentazione, rientra in questa categoria: io la sto usando proprio in questo periodo ed essendomene fatta un'opinione abbastanza precisa, nonchè condivisa da Sorce - che sarebbe una delle mie coinquiline qui a Roma, nonchè donna dotata di pelle sensibilissima e facilmente arrossabile - è arrivato il momento di condividerla.